Home

Energie Rinnovabili - Bioarchitettura

E-mail Stampa PDF

CONSERVIAMO LA NATURA

La salvaguardia del mondo in cui viviamo è una prerogativa dalla quale non ci si puo piu' sottrarre.

Per questi motivi abbiamo deciso di realizare interventi edilizi secondo principi della bioarchittetura in grado di ottenere un'impatto ambientale minimo.le costruzioni edili realizate, sono caraterizati da involucri adatti a resistere ai cambiamenti climatici delle stagioni (estate\inverno), in modo da utilizare un minor quantitativo di energia per il riscaldamento o raffrescamento dei locali interni. 

Costruire case ecologiche per noi significa soprattutto questo,sfruttare le risorse che l'ambiente gia' offre senza danneggiarlo.

Una casa ecocombatibile,non è solamenteun'investimento alla salute ma anche al portofoglio, perchè le fonti rinnovabili fanno acquisire un valore maggiore alle case.
Un esempio di architettura ecocompatibile ideata da alcuni colleghi milanesi è il progetto dell'Orto sul tetto che ritrae perfettamente il concetto del polmone urbano da noi pienamente condiviso e proposto alla nostra clientela.

Motivazioni

L’atmosfera terrestre è un sottile strato di gas con funzione di schermo protettivo. Nell’ultimo secolo, dall’inizio dell’era industriale, quest’armonia climatica millenaria è stata seriamente compromessa dalla concentrazione di anidride carbonica (CO2)

 

in continuo aumento nell’atmosfera. L’anidride carbonica viene liberata principalmente con la combustione di fonti energetiche di origine fossile utilizzate per fare funzionare riscaldamenti di edifici, veicoli a motore, impianti industriali. La conseguenza prima è l’innalzamento delle temperature ovvero l’effetto serra con gli evidenti squilibri climatici in corso (ritiro dei ghiacciai, innalzamento del livello marino, desertificazione, ecc.) che, se non controllati, potrebbero assumere caratteri catastrofici. Come previsto dal protocollo di Kyoto, un obiettivo importante per la tutela del clima e del genere umano è la riduzione dell'emissione dei gas ad effetto serra ed in particolare dell'anidride carbonica.

Contenimento energetico

Il risparmio energetico rappresenta un primo importante passo alla portata di tutti ed un contributo attivo e cosciente alla tutela dell’ambiente. Chi deve costruire una nuova casa o ristrutturarne una esistente, ha la possibilità di fare scelte tecnologiche, di materiali e progettuali mirate ad un uso responsabile e contenuto dell’energia a disposizione. Quasi il 70% dei costi energetici sostenuti per la casa sono destinati al riscaldamento degli ambienti; ne consegue che contenimento energetico significa sempre più risparmio economico.


Casa a basso consumo

La progettazione rappresenta la fase più importante nella realizzazione di una casa. Se il concetto di bello è soggettivo, la qualità è un elemento oggettivo anche se spesso non direttamente visibile, che si percepisce e si apprezza vivendo gli spazi residenziali giorno dopo giorno (comfort abitativo). La qualità comporta un cosciente e limitato aumento del costo iniziale di costruzione, sapendo però che nel tempo si tradurrà in un notevole risparmio economico nei consumi energetici (nell’ordine del 70-90% delle spese di riscaldamento) e di manutenzione del fabbricato, oltre a dare un valore aggiunto di quotazione dell’immobile. Una progettazione qualitativa nasce da un’attenta analisi del sito, mirata ad ottimizzare la distribuzione dei locali in funzione dell’orientamento e della esposizione degli ambienti. Vanno privilegiati nella progettazione volumi architettonici di forma semplice, razionale e compatta, che contribuiscono ad eliminare le dispersioni e ad aumentare la tenuta sismica. La caratteristica principale di un fabbricato a basso consumo è indubbiamente un ottimo isolamento termico ed acustico di tutte le componenti della struttura edilizia. Il buon isolamento di un edificio, oltre ad aumentare il risparmio energetico, è importante nei mesi invernali perché permette di avere pareti interne più calde con una maggiore e piacevole sensazione di benessere, e nei mesi estivi in quanto riduce sensibilmente il surriscaldamento e migliora la qualità dell’abitare. Un contributo determinante contro il surriscaldamento estivo è dato dagli elementi esterni di schermatura e filtro solare. Particolare attenzione va posta nello studio e nel posizionamento delle finestre e delle superfici vetrate, per “catturare” la luce e dare il giusto illuminamento naturale in tutte le stagioni. Di fondamentale importanza sono le ampie aperture vetrate orientate verso sud, per aumentare i guadagni termici solari e l’intensità della luce durante la stagione invernale. L’impiantistica deve essere altamente qualitativa nei componenti, ed allo stesso tempo semplice nell’impostazione per permettere una fattibile gestione e manutenzione. Negli edifici caratterizzati da un alto contenimento energetico occorre prestare la massima attenzione alla ventilazione. Respirare bene è una delle funzioni vitali più importanti: mediamente una persona necessita di 30 metri cubi d’aria fresca all’ora. Per avere il giusto ed equilibrato ricambio d’aria in un abitazione è fondamentale una ventilazione automatica controllata, che limita l’apertura delle finestre dei locali garantendo una buona qualità dell'aria, costante durante l'arco della giornata. Una ventilazione controllata è particolarmente indicata per i soggetti affetti da allergie respiratorie, essendo l’aria in circolo priva di pollini.

Casa ecocompatibile Se oltre al basso consumo energetico si vuole costruire in modo ecocompatibile, occorre prestare attenzione ai tipi di materiali e di fonti energetiche utilizzate. I materiali da costruzione devono essere durevoli, riciclabili, non dannosi per salute ed ambiente, con un limitato fabbisogno energetico del ciclo estrattivo-produttivo della materia prima e ridotte emissioni in atmosfera durante lavorazione e trasporto. Le fonti energetiche utilizzate per riscaldare devono essere non inquinanti e rinnovabili.

Energie rinnovabili

Alle energie fossili, limitate ed inquinanti, vi sono delle alternative: energie pulite rinnovabili che rispettano l’ambiente, tutelano il clima ed aiutano a fare economie.

Energia solare: è l’energia che proviene dal sole sotto forma di onde; può essere utilizzata sotto forma di collettori solari che producono acqua calda, o di celle fotovoltaiche che generano energia elettrica.

Pompe di calore: sono macchine che, con l’ausilio di un'energia motrice minima, sfruttando l’energia accumulata da aria, acqua e terra, la innalzano di temperatura per uso riscaldamento.

Pellets di legno: sono residui della lavorazione del legno non trattato che, con un processo senza aggiunta di collanti, prendono la forma di piccoli cilindri di legno utilizzabili come combustibile ecocompatibile.

Biomasse: si tratta di sostanze d’origine vegetale o animale che, direttamente o trasformate, possono essere utilizzate come combustibile; generalmente sono utilizzabili soltanto in grandi centrali per teleriscaldamento o in ambito agricolo.

Centrali eoliche: convertono l'energia cinetica del vento in energia elettrica.

Centrali geotermoelettriche: sfruttano l’energia geotermica presente nel terreno per trasformarla in energia elettrica.