Home Lo studio I nostri servizi Pratiche Catastali

Pratiche Catastali

E-mail Stampa PDF

Agenzia del Territorio

La prima cosa da sapere è che il catasto terreni e il catasto fabbricati sono archiviati in due database distinti. Tuttavia al NCEU (Nuovo Catasto Edilizio Urbano) vengono indicate anche le aree pertinenziali delle singole UIU unità immobiliare urbana.

Spesso i nostri clienti ci contattano per presentare delle variazioni catastali, questo avviene ogni volta che vengono fatti dei lavori di manutenzione straordinaria in un immobile, come ad esempio una demolizione di una parete o la creazione di una stanza. Il software di riferimento si chiama DOCFA e da questo ha preso il nome il documento di aggiornamento delle piante catastali.

Al catasto non si presentano solo i DOCFA, questa è solo una delle tante pratiche che svolgiamo presso gli uffici provinciali in via Turazza qui a Padova. Al catasto si presentano richieste di correzione quando ad esempio le intestazioni risultano errate, si può fare un'ispezione ipotecaria, una visura per immobile ed anche una visura per soggetto partendo dal codice fiscale o anche dalla ragione sociale, sono consultabili altresì le note di trascrizione degli atti notarili e limitamente alla propria provincia si possono anche consultare gli originali dei medesimi atti notarili.

Altro interessante capitolo tornato alla ribalta in questi ultimi anni è il fabbricato mai dichiarato. Da anni l'agenzia del territorio utilizzando nuove tecniche cerca di far emergere quei fabbricati che non sono mai stati dichiarati al catasto oppure che hanno perso il requisito di ruralità diventando fabbricati ex rurali. In questo casi l'attività del professionista può risultare complessa, ricorrendo anche ad un altro tipo di software chiamato PREGEO con all'interno vari moduli: 3SPC, 51FTP, M31FU. Spesso nei casi di immobili mai dichiarati bisogna interfacciarsi al catasto terreni incrociando i dati e aggiornando il tutto allo stato di fatto.

Obbligatorio Regolarizzare il Catasto Prima di Vendere un Fabbricato

Dal primo luglio 2010 è entrata in vigore la norma che impone la verifica della regolarità catastale dei fabbricati prima del rogito. Il notaio, prima della stipula degli atti di vendita dei fabbricati, o di altri atti con i quali si trasferiscono o costituiscono diritti reali sugli stessi deve verificare che l'immobile sia regolarmente censito in catasto a nome del legittimo proprietario (o titolare del diritto reale), il quale deve dichiarare che i dati catastali e le planimetrie depositate in catasto corrispondono allo stato di fatto del fabbricato.

La mancanza di queste dichiarazioni determina la nullità dell'atto, e dunque l'invalidità della compravendita o dell'atto relativo all'immobile (art. 29, comma 1-bis, della legge 27 febbraio 1985 n. 52, introdotto dall'art. 19, comma 14, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, come risultante dalla legge di conversione 30 luglio 2010, n. 122).

L'atto notarile, il rogito del Notaio

L'atto notarile (o rogito o istrumento) è il documento rogato, ossia redatto con le prescritte formalità, da un notaio che fa prova legale dei fatti ed atti giuridici che il notaio stesso attesta essere avvenuti in sua presenza o da lui compiuti.

Pratiche catastali

Pratica di accatastamento per nuova costruzione:

Dopo la realizzazione di un nuovo fabbricato, si presenta la necessità di censire l'immobile nel Nuovo Catasto Edilizio Urbano (N.C.E.U.).

I tecnici dello studio possono svolgere tutte le attività necessarie per l'espletamento della pratica, a partire dal rilievo del fabbricato, mediante l'uso di moderne strumentazioni al laser, per poi poter predisporre con precisione il tipo mappale e le nuove planimetrie, fino alla predisposizione dei modelli Docfa per l'attribuzione della rendita catastale.

Pratica di accatastamento per variazione:

A seguito di divisione, ampliamento, ristrutturazione, demolizione, cambio della destinazione d'uso, ultimazione di fabbricato urbano o altro, si presenta la necessità di aggiornare la situazione catastale e modificare quindi la consistenza di unità immobiliari già censite nel N.C.E.U.

A tale scopo, possiamo svolgere tutte le attività necessarie, cominciando da una analisi preliminare della situazione censita nel N.C.E.U. Per poi arrivare ad un rilievo della nuova situazione e alla predisposizione e presentazione delle pratiche necessarie per poter procedere all'aggiornamento.

Visura Catastale:

Qualora si presenta la necessità di ottenere una visura catastale per conoscere vani, categoria, classe e rendita catastale o semplicemente i dati catastali della propria unità immobiliare, offriamo un servizio di visure catastali svolto presso l'Agenzia del Territorio di Padova.

Estratto di mappa:

L'estratto di mappa evidenzia la posizione della particella terreni indicata dall'intestatario. È spesso utile per individuare l'ubicazione del terreno conoscendone la titolarità o gli estremi catastali. Possiamo offrirvi un servizio di richiesta estratti di mappa catastali svolto presso l'Agenzia del Territorio di Padova.

Voltura Catastale:

Le volture catastali sono necessarie ad esempio in caso di successione per causa di morte o consolidamento di usufrutto.

Rettifica dati catastali e dati immobili:

Qualora si riscontrassero degli errori o dei dubbi sui dati catastali delle proprie proprietà (cognome, nome o denominazione, codice fiscale, luogo e data di nascita, sede legale, diritti e quota di possesso, indirizzo numero civico e piano, numero di vani, superficie catastale), nostri tecnici effettueranno le verifiche preliminari ed eventuale chiederanno per voi la rettifica degli atti.

 

 

Ultimo aggiornamento ( Martedì 13 Maggio 2014 15:54 )